FORMAZIONE AZIENDA A DUBAI

Servizio completo di creazione della tua azienda negli Emirati

COME APRIRE UN'AZIENDA NEGLI EMIRATI

  • Rilascio della licenza commerciale
    (2-3 settimane)
  • Apertura di un conto bancario locale
    (1-2 mesi)
  • Ottenimento dei visti lavorativi
    (1 mese)

L’ ottenimento della licenza è senza dubbio un aspetto imprescindibile per svolgere qualsiasi attività di reddito negli Emirati. La procedura per ottenerla prevede:

  • La compilazione della domanda d’apertura in cui bisogna specificare: i nomi dei soci, la tipologia di attività che si intende svolgere e il nome aziendale. E’ sempre buona norma avere a disposizione 3 opzioni per i nomi societari in modo da non essere impreparati qualora la prima scelta non fosse disponibile;
  • La registrazione dello statuto sociale che in alcuni casi deve essere firmato davanti a un notaio locale dal manager dell’ azienda o da chi ne fa le veci tramite procura;
  • La stipula di un contratto d’affitto, qualora fosse necessario dotarsi di un ufficio. Diversamente, in zona franca é possibile usufruire di co-working space con una propria postazione affittata a ore.

Sulla base di questi documenti è possibile ottenere la licenza in 2-3 settimane. Il tempo di rilascio puó variare a seconda della zona in cui la società verrà registrata (territorio federalezona franca) e del tipo di attività. Infatti per alcune tipologie commerciali quali ristoranti, saloni di bellezza o barbieri i tempi di costituzione si possono dilungare di qualche mese a causa delle approvazioni  Municipali.

Una volta rilasciata la licenza, è possibile aprire un conto corrente locale presentando la copia della licenza commerciale e del passaporto degli azionisti che devono essere fisicamente presenti al momento della stipula del contratto. Il tempo di apertura di un conto varia da 2 settimane a 1 mese a seconda del tipo di attività aziendale e dai controlli fatti dalle banche.

Come ultimo step verrà richiesto di registrare la società presso il Ministero del Lavoro e ottenere i visti lavorativi per i gli azionisti e i propri dipendenti. Il visto lavorativo è strettamente legato alla licenza e ha validità di due o tre anni a seconda della zona di rilascio.  

 

Quali sono i vantaggi negli Emirati rispetto ad altri paesi.

Costituire una società negli Emirati Arabi, in particolar modo a Dubai, rappresenta per molte imprese italiane un’ottima opprtunità di investimento a livello internazionale. Le ragioni che rendono questa scelta vantaggiosa sono:

Sancite da accordi bilaterali di libero commercio e trattati contro le doppie imposizioni fiscali;

Negli Emirati non esiste alcuna tassa sui redditi personali e tanto meno quelli societari, eccetto l’obbligo di pagamento annuale della licenza commerciale. Inoltre, grazie a trattati bilaterali, se il reddito viene generato negli Emirati, su questi non viene applicata alcuna imposta da parte el governo italiano.

Supportata da un sistema di registrazione telematico;

La registrazione della società viene fatta in poche settimane e in molti casi è possibile iniziare il processo inviando i documenti online senza visitare il paese.

Per quasi tutti i tipi di società è obbligatorio mantenere una contabilità in partita doppia ma non vi è obbligo di depositare i bilanci alle autorità per il rinnovo della licenza

Nonostante l’arabo sia la lingua ufficiale del Paese, tutta la documentazione e la procedura di costituzione societaria viene svolta in Inglese. Infatti, l’elevato numero di expat proveniente da paesi  asiatici e occidentali fa si che l’inglese si sia progressivamente affermato come lingua ufficiale per gli aspetti burocratici e amministrativi.

I dazi sulle importazioni possono variare a seconda del tipo di bene importato ma tendenzialmente le tasse applicate sui prodotti in entrata sono tra le più basse al mondo con un valore pari al 0% nelle zone franche e al 5% nel territorio federale.  

Gli Emirati sono definiti l’hub economico per eccellenza. Essendo situati al centro delle principali direttrici commerciali verso l’ Asia, il Medio Oriente e i Balcani, attraggono capitali da tutto il mondo. Ad oggi, infatti, sono più di 600 le aziende italiane che hanno scelto gli Emirati come punto di appoggio per commerciare verso l’India, la Cina, i paesi del nord Africa e dell’Europa Orientale.

Uno degli elementi di forza degli Emirati Arabi è, senza dubbio, la stabilità politica. Rispetto ad altri paesi dell’area MENA (Middle East and North Africa), gli Emirati sono censiti come paese più sicuro dell’area grazie alle politiche di sicurezza messe in atto dalla famiglia regnante e al totale supporto che questa gode da parte della popolazione .

Rispetto ad altri paesi Arabi del Golfo, gli Emirati appaiono maggiormente liberali. Questo aspetto si nota anche a livello giuridico con la presenza di un quadro normativo di impronta occidentale, confinando l’applicazione della Sharia (legge islamica) ai contenziosi di carattere familiare.

Le zone franche sono aree autonome dal governo federale,  in cui l’investitore estero puó detenere il totale controllo della società senza dotarsi di un partner locale. Alcune aree sono generaliste, mentre altre sono più settoriali e consentono la registrazione della società solo a imprese di un determinato settore merceologico. La costituzione in zona franca è indicata soprattutto ad  imprese che commerciano o svolgono servizi al di fuori degli Emirati